29/08/11

XII. Le cognòle dell'amore

Il libricino da cui so-
no tratti i simpatici
sonetti
Vogliamo chiudere il mese di agosto in bellezza? Chiudiamolo!
Vi proponiamo ben tre sonetti in un solo intervento, composti da un tale Giuseppe Storace d’Afflitto, meglio noto con lo pseudonimo di Felippo Sgruttendio de Scafato (1570-1640). Musa ispiratrice di questo terzetto è Cecca, per la quale – a dire la verità – il poeta non riserva che similitudini di livello basso, ben lontane dai soliti e patetici lirismi che contraddistinguono l’ars poetica dello Stivale.
In particolare, il primo sonetto è un elogio delle bellezze dell’amata, molto simile a quello michelangiolesco che abbiamo avuto occasione di pubblicare su Uroboria qualche tempo fa (chi se lo fosse perso può leggerlo qui); nel secondo è spiegato in che modo Felippo venne ferito da Amore; il terzo… beh, è una piacevole sorpresa.
Poiché le poesie sono in dialetto napoletano, la signora Bompiani ha voluto fornircene una traduzione. Tutti i diritti appartengono pertanto a lei.
(Cosa volete, la mia immensa popolarità mi costringe a tenere conto del copyright.)

***


Dichiara lo nomme e la bellezzetùdene de la sdamma soia

Cecca se chiamma la Segnora mia,
la faccia ha tonna commo a no pallone;
ha lo colore iusto de premmone
stato no mese e cchiù a la vocciaria.

Ha l’uocchie de ceféscola o d’arpia,
ha li capille comme l’ha Protone;
no pede chiatto ha dinto a lo scarpone,
che cammenanno piglia mezza via.

È cchiù bavosa che non è l’anguilla,
cchiù saporita che non so’ le pere:
bellòttola cchiù assai d’Annuccia e Milla.

S’hai desiderio de guadagno avere,
tiénela, Amore, a na gaiola e strilla:
– A tre tornise, chi la vo’ vedere!

Dichiara il nome e la bellezza della sua dama Cecca si chiama la signora mia, ha la faccia tonda come un pallone; ha proprio il colore di un polmone che è stato un mese e più in macelleria. Ha gli occhi di civetta e di arpia, ha i capelli come li ha Plutone; ha un piede grasso dentro lo scarpone che camminando prende mezza strada. È più bavosa di una anguilla, più saporita delle pere: belloccia assai più di Annuccia e di Milla. Se hai desiderio di guadagno, tienila, Amore, in una gabbia e strilla: – Per tre tornesi1, chi la vuol vedere!


Comme lo ferette Ammore

Cecca se mese duie galante zuóccole,
e dinto avea le scarpe co doi sole,
e quanta scarpesava nterra spruóccole,
tanta faceva nascere vïole!

Cadere mo me puzzano le mole,
né chiù mangiare torza e manco vruóccole,
s’essa, co tanta sfarze e tanta gnuóccole,
non parze lo stannardo de lo sole!

Iuro pe cierto ch’ogne zoccolata,
oimè! che sentea scìrele da sotta,
parette a st’arma mia na scoppettata!

Ogn’uno senta sta parola addotta:
non fu, la chiaia mia, de na frezzata,
ch’è stata de no zuóccolo na botta.

Come lo ferì Amore Cecca si mise due galanti zoccoli, e dentro aveva scarpe a doppia suola, e quanti stecchi calpestava in terra, tante faceva nascere viole. Ora mi possano cadere i molari e non possa più mangiare torsi e broccoli, se lei, con tanto sfarzo e tanti vezzi, non parve lo stendardo del sole! Giuro per certo che ogni zoccolata, ohimè, che sentivo uscirle di sotto, sembrò una schioppettata a quest’anima mia! Ognuno senta questa parola dotta: non fu la piaga mia [provocata] da una frecciata, perché è stata [invece] una botta da zoccolo.


A le zizze di Cecca

Chesse zizzelle, o Cecca, a chisso core
me fanno, a buóine chiù, na grossa guerra!
Ma zizze, no! Song’otre, addove ammore
ogne sospiro mio nce mpizza e nzerra!

O so’ zampogne? O songo, a lo iancore,
cocuzze, fatte a ste padule nterra?
O vesciche de nzogna, a lo sapore?
O songo doi cognòle de la Cerra?

O so’ pallune, chisse, e so’ abbottate
da l’acqua de sto chianto e da lo viento
de li sospire miele tanto arragiate?

Overo ogniuna è bèrtola o visaccia?
Ammore, se vuoi ch’esca da trommiento,
o fa che l’aggia ncuollo, o l’aggia mbraccia!

Alle poppe di Cecca Queste poppine, o Cecca, a questo cuore mi fanno una guerra a tutto spiano! Ma poppe, no! Son otri, dove amore ogni sospiro mio ci ficca e rinchiude! O sono zampogne? O sono, dato il loro biancore, zucche nate dalla terra di queste paludi? O vesciche di sugna al sapore? O sono due cognòle2 di Acerra? O sono palloni, questi, gonfiati dall’acqua del mio pianto e dal vento dei sospiri miei così furiosi? Oppure ognuna è un sacco o una bisaccia? Amore, se vuoi che cessi di tormentarmi, o fa’ ch’io l’abbia addosso o l’abbia in braccio!

***

Chi era Laura? Chi Beatrice? Chi Fiammetta?
Uomini, nati dalla terra, ecco qual è l’ideale di donna per eccellenza! Per questo non battete chiodo! Perché, durante i vostri voli pindarici, non abbassate mai lo sguardo: se lo faceste, vi accorgereste che ovunque si nasconde una Cecca, pronta ad accogliervi nel suo grembo odoroso e a farvi dimenticare le donne evanescenti della letteratura. Meditate, giovani e vecchi, su queste parole.
Avete meditato? Bene, ora andate con Dio. Alla prossima puntata.
__________
1. Monete di rame napoletane.   2. Secondo alcuni si tratta di cesti, secondo altri di strumenti rusticani a forma di recipienti, fatti con piccole doghe incerchiate.

1 commento:

  1. A proposito di cognòla va precisato che nel Dizionario etimologico napoletano di Francesco D'Ascoli (Edizione del Delfino, Napoli, 1990), viene definita come "vaso di legno in cui si conservano frutti di mare in salsa", etim. piccola cogna, perché il vaso è fatto a forma di cuneo.

    RispondiElimina